Marketing e psicologia dei colori

I colori giocano un ruolo importante nella vita di un individuo, hanno la capacità di influenzare lo stato d’animo, rafforzano simboli e concetti e orientano le scelte del singolo individuo verso una decisione piuttosto che un’altra, cosa che impatta sull’e-commerce growth. Infatti, i colori possono modificare la percezione che si ha di un brand o di un prodotto e influenzare il consumatore quando c’è da prendere un decisione. Il perché questo accade è spiegato dalla psicologia del colore, la disciplina che studia le varie tonalità e spiega come le persone reagiscono a ogni singolo colore e il perché si preferiscono dei toni anziché altri. Ciò tenendo conto di altri fattori come i valori, il sesso, l’età e la provenienza del singolo individuo che alterano la percezione del mondo circostante e i valori asscoiati ai vari elementi, colori compresi. E’ una disciplina che va a stretto contatto con altre come il design, l’architettura, l’arte, l’educazione e il marketing. Il neuromarketing, nello specifico, tra i vari strumenti a disposizione, utilizza anche la psicologia del colore per spingere il consumatore ad acquistare un determinato prodotto e compiere una certa azione.

I colori nel marketing

Proprio per il potere che hanno, nel marketing i colori vengono usati in diverse fasi, come la realizzazione di immagini, marche, prodotti, pubblicità, ecc. impattando sulla Brand Identity di un’azienda, sulla percezione che abbiamo di essa, dei suoi prodotti e dei suoi servizi. Percezione che è strettamente personale, ma che ha reazioni comuni in base al tono scelto dal brand per comunicare i propri valori. Infatti i colori hanno delle caratteristiche definite. Il rosso, ad esempio, è un colore che suscita emozioni forte, trasmette energia e urgenza, accende i sensi e stimola l’appetito, per questo viene usato per attirare l’attenzione e dai brand del settore alimentare. Il giallo, invece, è un colore solare che trasmette positività. L’arancione invece ispira fiducia, è il colore associato all’amicizia e influenza facilmente le decisioni impulsive. Il viola invece è il colore del lusso e della saggezza e tende ad attirare l’attenzione principalmente delle donne. Il blu invece è il colore della tranquillità e della serietà mentre il verde esprime pace e salute ed è associato alla natura e a tutto ciò che è ecologico e biologico. Per quanto riguarda il bianco e il nero, invece, entrambi vengono usati per far risaltare gli altri colori e creare contrasto. Presi singolarmente, invece, il bianco esprime purezza, sicurezza e pulizia mentre il nero mistero e potere. 

Come scegliere i succhi di frutta ed evitare fregature

I succhi di frutta sono una bevanda fresca e dissetante; l’ideale per bere qualcosa di gustoso e- talvolta- salutare. 

Come si dice spesso e per tante cose, non sono tutti uguali: è importante capire cosa andare a guardare prima di procedere all’acquisto di questi prodotti per evitare di farsi fregare da descrizioni volutamente fuorvianti e valutare l’acquisto unicamente di prodotti validi, che acquisterai nuovamente o eviterai unicamente in base alle preferenze del tuo palato. Dai uno sguardo allo store di Bioitalia e acquista i prodotti biologici che preferisci.

Tipologie di succhi di frutta

Prima di aiutarti a capire come scegliere il succo di frutta più adatto ai tuoi gusti e le tue esigenze, è necessario fare un passo indietro e definire le tipologie di succhi di frutta attualmente sul mercato:

  • Succo di frutta: Il protagonista indiscusso di questo articolo; è costituito di frutta al 100% e viene ottenuto tramite la spremitura di uno o più frutti, o da un loro concentrato, a cui viene aggiunta acqua;
  • Nettare di frutta: è una bevanda in cui è contenuta frutta, ma non contiene frutta al 100%; ci sono però delle percentuali minime di frutta che un nettare di frutta deve contenere per essere conforme alle normative vigenti. In questa bevanda può esserci lo sciroppo di glucosio, edulcoranti e l’aggiunta di conservanti naturali e non (spesso contiene comunque l’acido citrico, naturalmente contenuto nel succo di limone). È severamente vietato aggiungere aromi artificiali.
  • Bevande a base di succo di frutta: Questa è la composizione di gran parte dei succhi presenti in commercio, che sono fatti a base di acqua, zucchero e una piccola percentuale di frutta. In base alla normativa vigente, per la realizzazione di questo prodotto basta il 12% di frutta affinché sia in regola.

Dopo aver fatto questa opportuna differenziazione tra le varie tipologie di bevande a base di frutta, che spesso comunemente chiamiamo indistintamente “succhi di frutta”, possiamo specificare i due suggerimenti da ricordare quando si sta valutando di acquistare una i delle bevande sopra menzionate:

  1. Evitare bevande particolarmente ricche di aromi, conservanti e additivi artificiali: si tratta unicamente di una questione nutrizionale; scegliere di bere una bevanda a base di frutta rappresenta un’ottima scelta per la propria salute solo se quello che si sta bevendo non contiene troppi ingredienti che rendano una scelta potenzialmente salutare, l’ennesimo comportamento insalubre;
  2. Raccogliere informazioni sulla provenienza della frutta, sulla sua qualità e sugli standard di qualità imposti per la produzione dei prodotti: eccezion fatta per le bevande di frutta destinate ai bambini, infatti, nella maggior parte delle bevande a base di frutta è possibile utilizzare come materia prima frutta che ha subito consistenti trattamenti chimici, coltivazione della frutta utilizzando fertilizzanti e pesticidi super invasivi che possono avere ripercussioni spiacevoli sulla propria salute;

Qualsiasi siano le tue scelte e preferenze in merito alle bevande alla frutta che hai deciso di integrare nella tua dieta, ricorda sempre che potresti rendere l’assunzione di questa bevanda una coccola per il tuo palato e per il tuo organismo.

Se stai cercando un luogo in cui poter acquistare prodotti provenienti unicamente da agricoltura biologica controllata, regolamentata e certificata, puoi dare uno sguardo allo store di BioItalia in cui troverai tutti gli elementi necessari per fare la spesa in modo comodo, economico ed ecologicamente sostenibile.

Acido Ialuronico: alleato della pelle

L’acido ialuronico è una sostanza presente nella pelle che è fondamentale per mantenere idratazione e giovinezza. Oltre ad idratare, contribuisce anche alla tonicità della pelle, per questo è uno dei migliori alleati della cute, in special modo quella del viso. Infatti, per preservare la qualità sia del derma che dell’epidermide, l’acido ialuronico è un fattore chiave in quanto aiuta a trattenere le molecole d’acqua e favorisce quindi l’idratazione profonda che rimpolpa la pelle. Si tratta di un elemento già presente nella pelle del viso e del corpo che viene prodotto naturalmente dall’organismo. Sul sito di Jolie Profumerie https://jolieprofumerie.com/ troverai oltre alle creme anche integratori e filler all’acido ialuronico. La sua produzione però diminuisce con il passare del tempo facendo sì che la pelle perda la sua naturale capacità di idratazione. E’ così che la pelle risulta meno compatta e iniziano a comparire le rughe che si manifestano specialmente sul viso. Non solo benefico per la pelle, l’acido ialuronico ammortizza e lubrifica le articolazioni.

Uso dell’acido ialuronico nel settore cosmetico

Il settore in cui l’acido ialuronico viene maggiormente utilizzato è quello dei cosmetici e del make-up, proprio per il suo potere idratante. Infatti i prodotti a base di acido ialuronico restituiscono alla pelle elasticità e morbidezza. Le creme a base di acido ialuronico dovrebbero quindi idratare la pelle in profondità contrastandone la secchezza, attenuare i segni dell’età rendendo meno evidenti gli inestetismi dell’invecchiamento e posticipare la comparsa delle rughe. Per fare ciò la molecola di acido ialuronico non viene utilizzata come in natura, in quanto si tratta di una molecola così grande da non riuscire a penetrare in profondità nella cute. Per questo nel settore cosmetico viene utilizzato l’acido ialuronico idrolizzato caratterizzato da molecole più piccole, quindi più leggere che penetrano più facilmente nella cute arrivando in profondità e garantendo quindi un migliore effetto idratante. 

Chiaramente la sola applicazione della crema una tantum non basta a dare gli effetti sperati sulla pelle. Infatti, per avere risultati è necessario usare i prodotti all’acido ialuronico con costanza, almeno una volta al giorno, anche se l’ideale sarebbe due, una la mattina e una la sera. E’ inoltre consigliato favorire l’assorbimento massaggiando la pelle delicatamente, soprattutto nei punti critici del viso. Oltre alle creme, esistono anche integratori e filler all’acido ialuronico. A prescindere da cosa si usa per proteggere la propria cute, bisogna sempre ricordare che anche lo stile di vita influenza lo stato di salute della pelle. Per preservarla è quindi importante mangiare sano, scegliendo un’alimentazione ricca di frutta e verdura, non esporsi troppo ai raggi UV ed evitare di fumare.

Come scegliere le piante da ufficio in base alle proprietà

Le piante in ufficio sono un elemento imprescindibile: sono un elemento di arredamento unico, originale e super versatile (in base al tipo di pianta selezionata).

La scelta delle piante da inserire nel proprio ambiente organizzativo deve variare in base allo stile, al tipo di illuminazione, al clima e all’esposizione degli ambienti (senza dimenticare la manutenzione delle stesse). In questo breve articolo scoprirai quale tipologia di pianta scegliere in base alle tue esigenze, per tutelare la loro salute e per dare un tocco di colore a qualsiasi stanza. Visita il sito di Evo Casa e scegli la pianta ideale per il tuo ufficio.

Scegliere il tipo di pianta da acquistare in base alle emozioni e sensazioni che questa può generare è una scelta funzionale e sensata; in alternativa, tenere sempre a mente le proprietà delle piante più utilizzate nell’arredamento d’ufficio può tornare particolarmente utile per apportare miglioramenti – o giovamenti – alle persone che per gran parte della giornata si troveranno a vivere quegli ambienti.

Bambù, l’elegante pianta antistress

Dai prezzi non sempre contenuti e dai bassi costi (anche umani) di manutenzione, il bambù è considerabile come un vero e proprio oggetto di arredamento – spesso anche utilizzato per realizzare dei veri e propri divisori. Questa pianta conferisce all’ambiente un clima rilassante e possiede proprietà antistress, motivo per cui è spesso utilizzata in centri benessere e spa. L’ideale per ambienti come le sale d’attesa, le sale relax (e magari anche sale operative ad “alta tensione”).

Melissa, la pianta dal profumo al limone che ti porta in campagna

La melissa, più conosciuta come citronella, è una pianta dalle svariate proprietà aromaterapiche che sprigiona un piacevole aroma di limone nell’ambiente in cui si trova. Nota la sua proprietà che lo rende un naturale repellente per piccoli insetti come zanzare, mosche e moscerini; con questa pianta, lascerai che gli ambienti organizzativi si colorino di un profumo in grado di evocare quel senso di leggerezza e libertà tipico dei luoghi di campagna.

Dracena, il tronchetto per i non pollici verdi

La Dracena, anche conosciuta come “Tronchetto Felicità”, è una pianta robusta, perfetta per arredare angoli vuoti e che non necessita di particolari o ricorrenti cure. Chiamata “Tronchetto Felicità” per la sua forma vivace ed esuberante, possiede ottime proprietà purificanti dell’aria, arrivando a purificarla da sostanze nocive e invasive come il benzene, è una soluzione ideale per rendere l’ambiente più pieno, accogliente e pulito.

Filodendro, la pianta da angolo più utilizzata al mondo

Il Filodendro è in assoluto la pianta che tutti immaginano di vedere in un angolo dell’ufficio: dall’aspetto elegante e rigoglioso è la soluzione ideale per impreziosire l’arredo di qualsiasi stanza dell’ufficio con un solo acquisto.
Un aspetto che rende questa pianta particolarmente interessante è anche il meno conosciuto: sono scientificamente provate le sue spiccate capacità purificanti, in particolare di sostanze come l’anidride carbonica, il benzene e la formaldeide.

Scegli le piante più in linea alle tue esigenze di cura, forma, stile e proprietà per rendere l’ufficio un posto accogliente, rigoglioso e colorato. Per farlo non devi necessariamente spostarti in un vivaio, ma puoi approfittare di alcuni e-commerce che porteranno la tua pianta fin dove vorrai: Evocasa, ad esempio, ha un’ampia selezione pensata apposta per te! 

Cosa non si farebbe per i nostri amici a quattro zampe?

I musetti umidi, le code scodinzolanti, gli occhi dolci, e perché no, le zampette che riecheggiano per casa, sono per molti una vera e propria gioia. Chi decide di adottare un amico a quattro zampe, lo fa consapevole che questo ruberà l’amore di tutti in casa, e diventerà parte integrante della famiglia. Negli ultimi anni però la vera rivoluzione ha coinvolto, sotto questo aspetto, anche il lifestyle. La moda e i prodotti di tendenza, hanno letteralmente travolto il nostro mondo coinvolgendo soprattutto un settore che fino a qualche anno fa era considerato di nicchia: quello degli animali. Il mondo dei prodotti per animali domestici è ufficialmente entrato nella quotidianità. Ecco allora che sono stati creati i più importanti prodotti, da quelli utili e pratici fino agli oggetti studiati appositamente per il divertimento e il relax di cani e gatti, visita il sito per saperne di più.

Spazzola portasapone e il gioco è fatto! 

Che abbiano un pelo lanoso o corto, che siano alti o bassi, con la coda lunga o un po’ più corta, gli amici a quattro zampe ci rapiscono e non lasciano più andare via. Considerati da sempre i più fidati amici degli uomini, questi hanno un ruolo importantissimo nella vita di chi sceglie di adottarli. Ecco perché ogni coccola, ogni attenzione e ogni premura diventa necessaria e accurata. Nulla viene lasciato al caso, al contrario vengono selezionati i prodotti migliori che corrispondono alle esigenze sia del padrone che degli animali. Ed è proprio su questa scia che si è mossa la produzione di oggettistica degli ultimi anni specializzandosi nei campi più disparati: da quello degli accessori come guinzagli e collari, alle cucce, fino a passare per la beauty routine. Dalle cucce in tessuto per gatti, a quelle termiche per i più freddolosi. Ma la vera rivoluzione sono proprio le spazzole. Sicuramente uno degli oggetti che non può mancare è, infatti, la spazzola. Elemento tanto utile quanto efficace, permette ai piccoli pelosetti di essere sempre impeccabili e profumati. A tal proposito GiordanoJolly offre una ricca sezione rivolta proprio al mondo animale. Ci sono quelle adatte a cani e gatti, utilizzabili per ogni pelo, e ci sono le spazzole portasapone. Il momento del bagnetto per i nostri piccoli amici è sempre molto delicato. Code schiumate, pelo bagnatissimo e zampette che ritornano al loro colore di origine. Proprio per questo la spazzola portasapone diventa un toccasana. Essa è dotata di serbatoio portasapone liquido. Il particolare coperchio di plastica con fori, consente il passaggio del sapone per il lavaggio del vostro piccolo mentre la superficie con i denti in plastica effettua proprio un massaggio rilassante sulla cute. Una coccola per lui e comoda per noi. 

Accappatoio in spugna: adatto a te e all’ambiente

La spugna attualmente è il materiale più usato nella biancheria da bagno ma, in base al tipo di grammatura, è un tessuto adatto a diversi usi.

Ad inizio Novecento, il nostro corpo veniva asciugato con i materiali che vi erano in commercio all’epoca: il cotone, il lino ecc.

E nel corso del secolo, la maggior parte dei mercanti iniziò a smerciare il tessuto di spugna che, dall’essere poco considerato, diventò quello più gettonato anche per la possibilità dei ricami e della lavorazione che si potevano realizzare sopra. 

La spugna deriva dal cotone, un “tessuto riccio” con elevata capacità d’asciugatura in grado di catturare un grande volume d’acqua grazie al suo potere assorbente.

Ma, in base alla grammatura, questo tessuto ha un uso diverso e più sarà elevata la grammatura più il tessuto sarà di qualità.

Se non sai quale tipo di grammatura deve avere il tuo accappatoio per essere l’accessorio adatto a te, leggi questo piccolo suggerimento e clicca quì.

Accappatoio con elevata grammatura in fibre naturali

La grammatura perfetta per la tua biancheria da casa e nello specifico per il tuo accappatoio è la grammatura media, da 400 a 500 grammi al metro quadro. 

Una grammatura che garantisce morbidezza, comfort ed un’ottima capacità assorbente.

Il prodotto che rispecchia tutte queste caratteristiche è l’accappatoio in tessuto riciclabile Losenti, realizzato in fibre naturali 100% cotone che è ideale per tutte le stagioni. La sostenibilità la puoi ritrovare in ogni minimo dettaglio del capo: dall’etichetta interna al prodotto, anch’essa realizzata in fibra naturale, alla materia prima certificata OEKO-TEX, che attesta la mancanza di sostanze nocive, al packaging realizzato in carta totalmente riciclata. 

Oltre ad essere un prodotto di ottima qualità per la tua pelle, è un accessorio perfetto di fashion e interior design grazie ai dettagli in contrasto di colori diversi.

La particolarità del prodotto, oltre alla manodopera artigianale, è racchiusa nella missione nobile dell’azienda. Acquistando infatti l’accappatoio, o qualsiasi altro capo del brand Losenti, rientri nel programma Ricicla. La mission dell’azienda è quella che una volta acquistato un capo si può ridarlo indietro, ed in base alla condizione in cui si troverà potrà essere rigenerato o riciclato e tu potrai ottenere uno sconto sul tuo nuovo acquisto!

Fantastico vero? Puoi pensare di utilizzare lo sconto ottenuto per riacquistare un accappatoio Losenti o per optare su una scelta diversa, il completo bagno, il set di asciugamani ed accappatoi in abbinamento per dare al tuo bagno un arredo coerente.

Acquistare Losenti vuol dire acquistare responsabilmente. Sii artefice del cambiamento del futuro e della tutela del Pianeta Terra, scegli il sostenibile.

Il ritorno del minimal e delle linee pulite

Abbiamo tutti voglia di ritornare ad incontrare amici, di partecipare agli eventi e alle feste che abbiamo rimandato per due lunghi anni. L’arrivo dei saldi, poi, fa la sua parte, e lo sa bene chi è sensibile a quegli sconti che affollano le vetrine e le pagine social. Sappiamo che qualcuno, preso dalla noia ha già iniziato a fare shopping compulsivo da tempo comprando forse capi che non indosserà mai. Ma la primavera è alle porte e complici le nuove collezioni, siamo tutti pronti ad obbedire ai sacri comandamenti della moda! 

I più attenti avranno sicuramente notato l’importante ritorno al minimal, la predilezione per le linee essenziali e la scelta dei tessuti semplici. Ci travolge la moda dell’abito sottoveste, scarno che si trasforma e si adatta di occasione in occasione. Chi lo avrebbe mai immaginato, la sottana della nonna sarebbe diventata la punta di diamante delle più importanti case di moda degli ultimi anni.  E nel tuo armadio c’è qualcosa del genere? Sul sito Sand Bikini troverai i must have della nuova stagione. Visita la sezione Sand luxury.

La riconquista della semplicità

Lo stile pulito e unico, i colori che non mancano mai nell’armadio di una donna e i tessuti più ricercati caratterizzano la linea Logan della linea Sand Bikini, che sposa perfettamente le esigenze di chi è in linea con il trend degli ultimi anni. Linee semplici ed essenziali, abiti a sirena lunghi dal taglio dritto completano il look adagiandosi morbidi sulla figura, mettendo in risalto le forme sinuose. Le scollature sono poi un valore aggiunto. Ogni modello risulta unico. Per gli amanti delle bretelle sottili, c’è poi una novità: l’aggiunta di strass. 

Avete mai pensato di trasformare la vostra giacca in un vestito?

Oversize come quelli di Chanel, maschili come quelli che rubiamo negli armadi del nostro partner, scuri se ci fanno sentire più sicure, i blazer sono per antonomasia capi intramontabili. 

Utilizzata in primis solo per le uscite formali e per il lavoro, la giacca ha subito grossi cambiamenti. Ma esiste un capo più contemporaneo e intramontabile della giacca? Assolutamente no. Ne esistono alcuni molto articolati e dettagliati ma la moda minimal ha travolto anche questo settore. La giacca abito, più in voga che mai, ha fatto il suo debutto mantenendo sempre quella essenza di semplicità non rinunciando ai tagli asimmetrici. 

Torniamo a vestirci con le piume

Qualcuno diceva che il diavolo è nel dettaglio, e la moda sposa completamente questa filosofia. Le linee restano semplici, ma gli abiti si lasciano impreziosire con importanti particolari: questa volta giocano un ruolo fondamentale le piume. Non parliamo delle piume stravaganti che adornavano i copricapi di Enrico VIII, ma di un qualcosa più trendy! Le passerelle, infatti, riportano in auge piumati che, se inseriti con attenzione all’interno delle collezioni, creano leggerezza e unicità. 

Vetro o ceramica? Quale tazzina scegliere

Il tè o il caffè permettono di rilassarsi, trascorrere bei momenti con gli amici e creare memorie. Che sia una tazza di caffè in ceramica a casa dei familiari, o un fresco espresso in vetro al bar con gli amici: ogni piccolo sorso ci permette di vivere un’esperienza, qualcosa che rimarrà con noi per sempre. Acquista sullo shop online caffè in cialde ed in capsule in base alle tue preferenze. E che modo migliore di rivivere quei momenti ritrovando lo stesso gusto nelle nostre case? Se ti stai chiedendo quale tazze acquistare tra quelle in ceramica e in vetro, ecco alcune differenze e curiosità che potresti aver mancato!

  • Ceramica e tazze di vetro: somiglianze e differenze

Sia che tu compri tazze di ceramica o in vetro, non c’è molta differenza di gusto. In termini di caratteristiche, sia i materiali ceramici che quelli di vetro hanno caratteristiche comuni che rendono l’esperienza al palato identica. La differenza, tuttavia, è come appaiono. Una tazza di vetro è per lo più trasparente con un design semplice e minimalista, la ceramica invece è disponibile in vari colori, stampe e disegni.

  • Il gusto

Sia le tazze in ceramica che quelle in vetro possono essere una buona opzione da scegliere nella vita di tutti i giorni, soprattutto quando li confrontiamo con tazze in acciaio inossidabile o plastica, che alterano sapori e a volte anche le consistenze. A differenza di queste ultime, inoltre, sia le tazze in ceramica che quelle in vetro tendono a rimanere più resistenti agli odori e ai problemi di intrappolamento del sapore.

  • Il lavaggio

Dove le tazze in ceramica sono più facili da pulire rispetto a quelle in vetro, queste ultime sono più facilmente lavabili in lavastoviglie, poichè le tazze in ceramica, soprattutto quelle colorate, rischiano di dannegiare la propria decorazione ad alte temperature.

Sebbene in giro si possano trovare entrambe le tipologie tazze, di questi giorni le tazze in vetro sono diventate più popolari, in particolare nei ristoranti e nei bar.

  • L’aspetto estetico e fisico

La differenza più grande tra le tazze in ceramica e quelle in vetro inizia alla prima occhiata: ceramica e vetro sono materiali facilmente distinguibili l’uno dall’altro.

Quello che invece non salta subito alla vista sono le differenze che riguardano le proprietà fisiche di queste due materie: le tazze di vetro sono più leggere rispetto a quelle in ceramica, che di solito sono più spesse. Ciò significa anche che le tazze in ceramica possono trattenere il calore per una durata di tempo molto più lunga rispetto alle tazze di vetro.

Dall’altro lato, nella tua tazza di vetro, puoi vedere chiaramente cosa sta avvenendo all’interno, controllando se il latte si è ben mischiato col caffè o se il tè è pronto. L’uso di una tazza di vetro consentirà a tutto il mondo di sapere cosa stai bevendo, attirando così gli altri – che siano clienti, colleghi o parenti – a prendere lo stesso.

Tuttavia, in termini di estetica e bellezza le tazze in ceramica hanno un vantaggio rispetto alle tazze in vetro per ovvi motivi.

  • Come scegliere tra vetro e ceramica

In conclusione, la scelta tra tazze in ceramica e tazze in vetro è semplicemente una scelta personale, a seconda del tuo gusto e delle tue priorità. L’importante è godere di quella sana pausa té o caffè! Che sia in ceramica o in vetro, la pausa migliorerà la tua salute fisica e mentale, poichè prendersi del tempo per rilassarsi e rinfrescare la mente aiuta ad aggiungere rinnovato vigore ed energia alle tue giornate.

Come sopravvivere al forte caldo

E’ arrivato il caldo e molte persone soffrono.

Si, non tutti amano il caldo… anzi, alcuni lo detestano!

Il caldo è bello solo se si può stare tre mesi al mare o in montagna, in vacanza e senza dover lavorare; ma, questo è davvero una rarità.

Come devono fare le persone che soffrono particolarmente il caldo?

Continua a leggere questo articolo e lo scoprirai, ti daremo degli ottimi consigli.

Per prima cosa, pensa all’abbigliamento: devi indossare solo tessuti naturali e di qualità, come il lino.

Ad esempio, potresti acquistare delle camicie di lino sullo shop online Finamore; il lino è un tessuto completamente naturale e fresco che aiuta a mantenere la pelle nettamente più fresca. Visita il sito per saperne di più.

Anche il cotone è un ottimo tessuto, nonostante però il lino sia sempre il migliore.

Anche la viscosa è un tessuto fresco, si tratta di un derivato del cotone che, nonostante non sia di elevata qualità come il lino o il cotone, si rivela spesso un buon tessuto.

Oltre all’abbigliamento bisogna osservare ed applicare anche delle altre piccole accortezze.

Per prima cosa, bisogna bere due litri di acqua al giorno.

Bere acqua è fondamentale, soprattutto quando si suda molto; l’acqua, infatti, aiuta ad integrare i liquidi che si perdono a causa della sudorazione eccessiva.

Ovviamente, sono consigliate le bevande fresche (non fredde che potrebbero causare una congestione); sono molto sconsigliate, ovviamente, le bevande calde che portano ad aumentare la sudorazione.

Anche per quanto riguarda il cibo bisogna puntare a cibo freddo.

La pasta calda, quando le temperature sono roventi, è sconsigliata; meglio optare per una insalata di riso o un piatto di pasta fredda.

Per quanto riguarda i secondi piatti, anche in questo caso, si sconsiglia il cibo caldo.

Meglio una semplice mozzarella accompagnata da un pò di prosciutto crudo che, appunto, non richiede alcuna preparazione ma si mangia con gusto e gioia.

Non bisogna mai far mancare delle belle insalatone, preparate con verdure crude: l’iceberg è buonissima, così come la rucola o gli spinacini. Basta condire le verdure con un pizzico di sale, un filo d’olio ed un filo di aceto.

Ovviamente, non deve mai mancare la frutta.

L’estate, infatti, offre moltissimi frutti: melone, anguria, pesche, nespole, fragole, ciliegie, noci pesche e chi più ne ha più ne metta.

Se ci pensi bene, mangiare sano d’estate è molto più semplice che farlo durante l’inverno.

D’estate, infatti, è più piacevole mangiare piatti freddi che non  necessitano di passare molte ore in cucina.

Infatti, stare in cucina a preparare d’estate è una tortura.

Dai libero sfogo alla tua fantasia.

Cerca tante ricette fresche, facili e veloci per non soffrire il caldo.

Televisione: oggetto ‘fuori moda’

E’ statisticamente provato che la televisione è diventata, ormai, un oggetto fuori moda. Ovviamente, questi dati si riferiscono ad un pubblico giovane.

Gli under 30, infatti, non guardano più la televisione ma usano il web per qualunque cosa.

Dotati di un personal computer, come quelli in vendita sullo shop online Haxteel.eu, fanno tutto ciò che le persone più anziane fanno davanti alla tv: apprendono notizie, guardano film, guardano le serie tv, guardano gli show, ecc.

Per i giovani il personal computer ha preso il posto della televisione.

La tv, infatti, è guardata, prevalentemente, da persone che vanno dai 35 anni in su. La maggior parte degli utenti della televisione sono persone che non lavorano, soprattutto pensionati, quindi da 60 anni a salire.

Perchè è successo tutto questo?

Per quanto riguarda la televisione italiana, certamente, una causa dell’allontanamento dei giovani è la scarsa qualità dei programmi trasmessi.

Ad esempio, i reality show non piacciono più a nessuno: raggruppano personaggi che sono stati famosi un tempo, ma che adesso, evidentemente, non interessano più a nessuno.

Poi ci sono i programmi definiti, da molti, ‘spazzatura’: talk show in cui i vari personaggi, ospiti della trasmissione, litigano tra loro, si insultano e fanno gossip di basso livello.

Per quanto riguarda i film, la televisione in chiaro (cioè quella non a pagamento) trasmette film datati, visti e rivisti, che ad un pubblico giovane poco interessano.

Le fiction trattano argomenti che appassionano un pubblico adulto, ma non i teenager o le persone under trenta.

Per questi motivi, i giovani utilizzano il web e guardano quello che il web offre: cioè di tutto.

Sul web, infatti, ognuno può scegliere ciò che preferisce: se guardare un telegiornale, un film, o una serie.

Grazie a Netflix, Prime Video e Sky (ce ne sono anche tanti altri), si può scegliere tra un’ampia offerta di prodotti: ci sono serie tv di tutti i generi, film nuovissimi (alcuni neppure trasmessi al cinema ma direttamente su questi canali a pagamento), insomma il gusto personale di chiunque può essere soddisfatto.

Ovviamente, tutti questi canali sono a pagamento perchè offrono una serie di servizi che la televisione in chiaro non offre: ad esempio, se stai guardando un film o una serie tv, puoi stopparla in qualunque momento e, quando la riprenderai, la troverai al punto in cui l’avevi lasciata.

Puoi guardare un film o la tua serie preferita e fare tutte le pause che decidi tu; non dovrai più aspettare la pubblicità per correre un attimo al bagno.

Insomma, tutti questi canali a pagamento, ti permettono di gestire la visione di un film o di una serie tv come preferisci tu.

I canali a pagamento sono usufruibili sia da personal computer che da televisore ma, come abbiamo detto prima, i giovani preferisco utilizzarli tramite pc.

Perchè?

Il motivo è che il personal computer è più gestibile di un televisore, puoi portarlo con te ovunque tu vada ed in qualunque stanza della casa.

Sono questi alcuni dei motivi per cui il pubblico dei giovani sta abbandonando la televisione in favore del web.