Archivi categoria: Bevande

Vetro o ceramica? Quale tazzina scegliere

Il tè o il caffè permettono di rilassarsi, trascorrere bei momenti con gli amici e creare memorie. Che sia una tazza di caffè in ceramica a casa dei familiari, o un fresco espresso in vetro al bar con gli amici: ogni piccolo sorso ci permette di vivere un’esperienza, qualcosa che rimarrà con noi per sempre. Acquista sullo shop online caffè in cialde ed in capsule in base alle tue preferenze. E che modo migliore di rivivere quei momenti ritrovando lo stesso gusto nelle nostre case? Se ti stai chiedendo quale tazze acquistare tra quelle in ceramica e in vetro, ecco alcune differenze e curiosità che potresti aver mancato!

  • Ceramica e tazze di vetro: somiglianze e differenze

Sia che tu compri tazze di ceramica o in vetro, non c’è molta differenza di gusto. In termini di caratteristiche, sia i materiali ceramici che quelli di vetro hanno caratteristiche comuni che rendono l’esperienza al palato identica. La differenza, tuttavia, è come appaiono. Una tazza di vetro è per lo più trasparente con un design semplice e minimalista, la ceramica invece è disponibile in vari colori, stampe e disegni.

  • Il gusto

Sia le tazze in ceramica che quelle in vetro possono essere una buona opzione da scegliere nella vita di tutti i giorni, soprattutto quando li confrontiamo con tazze in acciaio inossidabile o plastica, che alterano sapori e a volte anche le consistenze. A differenza di queste ultime, inoltre, sia le tazze in ceramica che quelle in vetro tendono a rimanere più resistenti agli odori e ai problemi di intrappolamento del sapore.

  • Il lavaggio

Dove le tazze in ceramica sono più facili da pulire rispetto a quelle in vetro, queste ultime sono più facilmente lavabili in lavastoviglie, poichè le tazze in ceramica, soprattutto quelle colorate, rischiano di dannegiare la propria decorazione ad alte temperature.

Sebbene in giro si possano trovare entrambe le tipologie tazze, di questi giorni le tazze in vetro sono diventate più popolari, in particolare nei ristoranti e nei bar.

  • L’aspetto estetico e fisico

La differenza più grande tra le tazze in ceramica e quelle in vetro inizia alla prima occhiata: ceramica e vetro sono materiali facilmente distinguibili l’uno dall’altro.

Quello che invece non salta subito alla vista sono le differenze che riguardano le proprietà fisiche di queste due materie: le tazze di vetro sono più leggere rispetto a quelle in ceramica, che di solito sono più spesse. Ciò significa anche che le tazze in ceramica possono trattenere il calore per una durata di tempo molto più lunga rispetto alle tazze di vetro.

Dall’altro lato, nella tua tazza di vetro, puoi vedere chiaramente cosa sta avvenendo all’interno, controllando se il latte si è ben mischiato col caffè o se il tè è pronto. L’uso di una tazza di vetro consentirà a tutto il mondo di sapere cosa stai bevendo, attirando così gli altri – che siano clienti, colleghi o parenti – a prendere lo stesso.

Tuttavia, in termini di estetica e bellezza le tazze in ceramica hanno un vantaggio rispetto alle tazze in vetro per ovvi motivi.

  • Come scegliere tra vetro e ceramica

In conclusione, la scelta tra tazze in ceramica e tazze in vetro è semplicemente una scelta personale, a seconda del tuo gusto e delle tue priorità. L’importante è godere di quella sana pausa té o caffè! Che sia in ceramica o in vetro, la pausa migliorerà la tua salute fisica e mentale, poichè prendersi del tempo per rilassarsi e rinfrescare la mente aiuta ad aggiungere rinnovato vigore ed energia alle tue giornate.

Capodanno: i Cocktail più particolari per festeggiare il nuovo anno

Perchè festeggiare la fine del vecchio anno e dare il benvenuto al nuovo con in mano sempre i soliti cocktail? Visita il sito https://www.vinopuro.com/it/ e scoprirari quello più indicato alle tue esigenze.

Non bisogna essere dei grandi esperiti per divertirti e creare per sé e per i propri commensali cocktail di fine anno divertenti e particolari. 

Ecco alcune idee per rendere i brindisi di San Silvestro di quest’anno davvero indimenticabili.

Moscow Mule con melagrana

Durante la festa di Capodanno sabota il classico Moscow Mule per una variante più festosa con la melagrana. Un motivo per convincere tutti ad accettare di buon grano la variante? La melagrana è considerata un cibo portafortuna, insomma, ideale da integrare nelle ricette del Capodanno per augurarsi un anno pieno di gioia. Inoltre, si tratta di un frutto dall’ottimo sapore e con proprietà antiossidanti, ha tutte le carte in regola per essere integrato nel nostro menù di fine anno.

Ecco la ricetta per 4 persone: 400 gr di succo di Melagrana, 320 gr ginger Beer, 180 gr di vodka, 4 cucchiaini di zucchero, il succo di due lime e naturalmente zenzero fresco. Una volta pulito il melagrana e frullato i suoi chicchi, il succo va passato in un setaccio ottenendo così un ottimo succo, ora siamo pronti per iniziare la ricetta. Aggiungere al succo di melagrana quello di due lime, poi va spremuta all’interno la radice di zenzero avendo cura di sbucciarla prima e infine aggiungere lo zucchero. Mescolate tutto e lasciate riposare per qualche ora, dopodichè decorate come più vi piace i bicchieri versarvi dentro il Moscow Mule al melagrana e buon brindisi.

Champagne al Ginepro

Una combinazione insolita ma raffinata, ideale per una serata speciale come quella del capodanno. Per realizzare questa ricetta dobbiamo da prima preprare uno sciroppo al ginepresso, anche se lo sciroppo deve essere preparato tempo prima rispetto alla preparazione del cocktail vi assicuro che non richiede molto tempo e il procedimento è facile da seguire, ecco come preprare lo sciroppo al ginepro: in una pentola portare a bollore 360 ml di acqua, 120 gr di zucchero e 60 gr di bacche di ginepro schiacciate, lasciate bollire il tutto fino a quando lo zucchero non si sarà sciolto completamente. Ora togliete dal fuoco e lasciare raffreddare il tutto. Dopo di che filtrate il tutto con un colino eliminando tutti gli scarti e lasciate raffreddare in frigo per qualche ora. La preparazione dello Champagne al Ginepro non prevede altro che l’aggiunta di tre cucchiai dello sciroppo preparato in precedenza per ogni bicchiere di Champagne o prosecco. La quantità di sciroppo al ginepro che verrà fuori con la nostra ricetta è indicata per sei bicchieri di cocktail. 

Black Velvet

Velluto nero, la traduzione del nome di questo cocktail lascia subito intuire tutta l’eleganza e raffinatezza di questa preparazione. Un coocktail facilissimo da prepare che vede l’unione di birra scura e Champagne, combinazione inaspettata ma di grande effetto. Secondo la tradizione la sua invenzione si deve ad un gruppo di gentiluomini riuniti in un club di Londra nel 1861 in occasione della morte del Principe Alberto. La preparazione del Black Velvet prevede solo 6 cl di birra scusa dall’alta fermentazione e 6 cl di Champagne o altri vino spumante. Le due bevande hanno una densità molto diversa e per questo non si mescolano completamente ma la birra va a formare nella parte superiore del bicchiere una fascia scura che sembra velluto, donando eleganza al cocktail.