Archivi categoria: viaggi

Scopri online il prossimo luogo da visitare

Rispetto al passato, viaggiare è diventato oggi molto più semplice: per chi vive in un paese membro dell’Unione Europea, come l’Italia, è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio per muoversi liberamente nel continente; dal computer o dallo smartphone si possono prenotare in pochi minuti biglietti aerei, dei traghetti o del treno, acquistandoli con i servizi di home banking; ultimo ma non meno importante, grazie ai siti e ai blog di viaggio si possono reperire utili informazioni per pianificare al meglio il prossimo viaggio, visita il sito www.ioviaggio.it o per trovare ispirazioni al fine di decidere le località da visitare.

I blog di viaggio, specie quelli realizzati con passione, costituiscono delle risorse utili da consultare per ottenere maggiori informazioni circa le destinazioni dei viaggi.

valigia

Poiché si tratta per lo più di siti indipendenti, con articoli redatti da appassionati viaggiatori e pubblicati senza scopo di lucro, questi spazi virtuali contengono suggerimenti, avvertimenti, valutazioni e dritte che non si potranno trovare nelle pagine web commerciali o nei messaggi turistici promozionali. Si potranno così valutare i pro e i contro di ogni meta, interagendo inoltre con il curatore del blog per ottenere degli approfondimenti sul tema di interesse.

Particolarmente interessanti sono i blog che descrivono le città, mettendo in evidenza gli angoli meno conosciuti, i ristorantini più caratteristici, i luoghi da dove ammirare i panorami più suggestivi o le vie meno esplorate. Si tratta di resoconti frutto di esperienze dirette, di ricerche pazienti e di scoperte personali, magari dopo essersi persi appositamente al fine di imbattersi in piacevoli sorprese, sconosciute alle classiche guide turistiche cartacee. Alcuni siti focalizzano l’attenzione sulle attrazioni più divertenti, sui luoghi dove poter assistere ai festival ed ai concerti più interessanti e sugli eventi da non perdere in programma in una determinata regione.

Quando si pianifica un viaggio, si dà per scontato che tutto proceda alla perfezione, ma purtroppo a volte ci si imbatte in spiacevoli problemi, soprattutto per quel che riguarda i trasporti pubblici o le prenotazioni. In questo caso, i blog di viaggio aiutano a reperire le informazioni più utili per evitare di andare incontro a rischi e difficoltà durante le vacanze: spesso si tratta di resoconti scritti da chi ha già collezionato esperienze negative ed informa di conseguenza tutti gli interessati, in modo che questi possano viaggiare informati.

Consigli utili per una vacanza ad Ibiza

Ibiza è una delle mete turistiche più gettonate al mondo, oltre che una delle località balneari più belle del Mediterraneo. Chi non è mai stato in questa perla situata a poche centinaia di chilometri dalle coste spagnole, non può sapere quanto coinvolgente sia lo straripante entusiasmo della movida isolana. Eivissa, così com’è chiamata in lingua catalana, amministrativamente fa parte della comunità autonoma delle Baleari, malgrado fin dai tempi più antichi fosse conosciuta dai navigatori come una delle isole Pitiuse, insieme alla dirimpettaia Formentera e a poche isole minori. Negli ultimi anni, Ibiza, ha cercato di svestire la tradizionale nomea di isola degli eccessi e del divertimento, aprendo le porte ad ogni genere di visitatore, dalle coppie sposate in cerca di relax, alle famiglie con bambini. L’isola offre sistemazioni adatte a tutti, in grado di sposare le esigenze più disparate: chiunque cerchi servizi, strutture sportive ed ogni genere di comfort, potrà propendere per le numerosissime sistemazioni, vi consiglio di  prenotare un appartamento ad Ibiza,

tante le soluzioni nei dintorni di Cala Llonga, località immersa in una natura di rara bellezza; le coppie giovani che vogliono trascorrere mattinate e pomeriggi in un’atmosfera rilassante e tranquilla, ma che di sera desiderano assaporare i ritmi incalzanti delle notti isolane, possono preferire le tante ville extra lusso dotate di piscina privata situate nei dintorni di Sant Antoni de Portmany, oppure le sistemazioni più modeste ma assolutamente tipiche e confortevoli di Es Canar e Cala Vadella. Sant Antoni de Portmany è un luogo calato in un contesto naturale d’eccezione, poiché l’insenatura nella quale sorge è incastonata fra alture ricche di sentieri e dalle quali è possibile godere di panorami mozzafiato, fra i più belli dell’isola. Tutti coloro che raggiungono Ibiza per i suoi locali ed i suoi celebri club, non possono prescindere da un alloggio ad Ibiza, piuttosto che nei dintorni di Playa d’en Bossa o nel centro di Sant Antoni de Portmany: è qui che le notti finiscono soltanto all’alba! Raggiungere l’isola è semplicissimo: a 7 km dal centro principale sorge l’aeroporto internazionale Sant Josep di Ibiza, servito per tutto l’anno dalle compagnie Ryanair (in partenza da Ciampino) e Vueling (in partenza da Firenze) e dai collegamenti stagionali offerti da Alitalia (da Fiumicino, Malpensa e Venezia), Meridiana, Neos e Volotea.

Una vacanza sulla neve

Avete voglia di trascorre una settimana bianca in una delle località più belle del nostro paese? Bene, l’Italia, ed in particolare l’arco alpino, è ricchissima di mete sciistiche perfettamente organizzate e dal fascino ineguagliabile. Le stazioni sciistiche top devono possedere alcuni parametri imprescindibili, quali una buona presenza di bellezze naturali, l’estensione del comprensorio, la qualità dell’offerta alberghiera e la modernità degli impianti. Uno dei comprensori sciistici più belli ed imponenti d’Italia è certamente quello dell’Alta Badia, situato interamente nella provincia di Bolzano, nel cuore dell’Alto Adige, e dotato di splendide piste che si snodano per chilometri nel fitto della vegetazione. L’abbondanza di percorsi è enorme ed i paesi che contornano il grande comprensorio imperniato sulla celebre Sellaronda sono molto pittoreschi ed offrono strutture alberghiere di elevata qualità. Inutile sottolineare che qui, le Dolomiti del gruppo del Sella, regalano scorci di incantevole bellezza.
snowman
Il percorso della Sellaronda, che gira intorno al massiccio del Sella, può essere intrapreso liberamente da Canazei, Arabba, Selva di Val Gardena o Corvara. A non molta distanza dalla Sellaronda troneggia fiera fra le Dolomiti di Brenta una delle località sciistiche più famose d’Europa: Madonna di Campiglio. Gli scenari dolomitici incantano da qualsiasi punto si osservino e gli efficientissimi collegamenti realizzati con le località di Marilleva, Folgarida e Pinzolo, danno vita ad un grande comprensorio fatto di piste meravigliose che si snodano fin dai 2600 metri di quota. Madonna di Campiglio è celebre anche per la sua mondanità, per i locali notturni, le discoteche, le cure termali e gli spettacolari centri benessere. Inutile sottolineare la bellezza e la forza sprigionata dalla natura circostante, con i ghiacciai della Presanella e dell’Adamello ed il parco naturale del Brenta, puntellato di laghi, ruscelli e rifugi degni di una favola. In Val d’Aosta spicca per estensione e bellezza, protetto com’è dal maestoso Cervino, il comprensorio di Breuil-Cervinia, tra i più grandi d’Italia e perfettamente collegato alle piste svizzere dello Zermatt e del Matterhorn. 350 chilometri di piste e ben 64 impianti di risalita ne fanno uno dei comprensori più attrezzati d’Italia. Gli stupendi panorami offerti dal Cervino e dal Monte Rosa e le tante possibilità di svago presenti in loco concorreranno a regalare una vacanza indimenticabile.

 

Cosa fare in caso di vacanza rovinata

Può succedere che la vacanza tanto attesa possa essere rovinata da inconvenienti imputabili a cattiva organizzazione o a cause di forza maggiore, come per esempio il ritardo, la cancellazione o l’overbooking del volo, lo smarrimento dei bagagli.

Sono tutti casi nei quali è utile sapere a chi inviare le proprie rimostranze e quali sono le giuste procedure da seguire per ottenere un risarcimento o un rimborso di quanto non è stato possibile godere. Iniziamo a vedere i casi in cui possiamo definire la vacanza rovinata.

vacanza-rovinata
Se il bagaglio viene smarrito, consegnato con ritardo o danneggiato è necessario compilare un modulo che si trova presso la compagnia sulla quale era prenotato il volo per richiedere il risarcimento.
La quantificazione del danno si aggira intorno ai 1.164 euro se la stessa compagnia opera nei confini dell’Unione Europea oppure se ha aderito alla Convenzione di Montreal.
Al contrario, il rimborso è pari a 19 euro per ogni chilo del bagaglio smarrito, se invece la stessa compagnia ha aderito alla Convenzione di Varsavia. La quantificazione del danno può anche essere determinata nel caso sia stata stipulata un’assicurazione da parte del turista.
Nel caso in cui il volo abbia un ritardo o venga cancellato bisogna distinguere se è responsabilità diretta della compagnia (per esempio un guasto al mezzo) o se invece non dipende da essa, come nel caso di uno sciopero o di condizioni meteo avverse.
Se il volo parte con sensibile ritardo il turista avrà diritto a chiedere un risarcimento in base a quanto è lunga la tratta di percorrenza del viaggio pagato.
Per convenzione si fa riferimento a viaggi con tratte comprese tra i 1500 fino ai 3500 km.
A queste distanze corrisponde un risarcimento di circa 400 euro, mentre per quelle superiori arriva a 600 euro.
Nel caso in cui il ritardo arrivi a 5 ore, il passeggero può ottenere il rimborso del biglietto e non essere soggetto al pagamento della penale.
Il rimborso del biglietto può anche riguardare una parte del viaggio, se questo prevedeva degli scali. La richiesta va inoltrata alla compagnia aerea.
Nel caso in cui il volo o anche l’hotel all’arrivo risultino in overbooking perché da parte del vostro tour operator e dell’agenzia di viaggi la vendita dei biglietti è andata oltre i posti disponibili, dovete attendere di sapere se qualcuno rinuncia al viaggio.
Sarà la compagnia stessa a comunicarlo dopo una verifica e dopo aver proposto un’alternativa che possa portare comunque un beneficio (la stessa proposta potrebbe essere rivolta anche a voi).
Chi non potrà prendere l’aereo dovrà avere un rimborso del biglietto sempre in base alla distanza della tratta e contestualmente dell’intero pacchetto della vacanza, se questa non avrà luogo.
Se invece scegliete di prendere un volo successivo, avete comunque diritto al rimborso della metà del biglietto per quello a cui avete dovuto rinunciare, calcolando sempre in base alla tratta.
Se invece è l’hotel a essere in overbooking l’agenzia di viaggi o il tour operator dovranno trovare una sistemazione di pari valore o superiore senza pagare altro.
Potete comunque richiedere un risarcimento per la vacanza comunque rovinata entro e non oltre 10 giorni dal rientro, tramite l’apposito modulo da indirizzare agli stessi soggetti secondo l’art. 49 del Codice del Turismo.

Parti subito per la Grecia: prenota il traghetto

Appena tornato da una splendida vacanza in Grecia con la mia compagna non posso che dirmi soddisfatto dell’esperienza vissuta. È la prima volta che visitiamo questo paese, ed abbiamo deciso di dedicarci in particolare al suo versante ionico, e soprattutto alle isole.

Siamo rimasti davvero incantati dai paesaggi che si possono ammirare nelle Isole Ionie, ancor più spettacolari di quanto appaiano dalle immagini su internet! Le persone del posto, a dispetto della difficile situazione che sta vivendo il loro paese, sono gentili e solari, e nel complesso la Grecia è piuttosto economica; certo, noi siamo stati fortunati: abbiamo trovato su internet un’offerta davvero molto conveniente che ci ha consentito di raggiungere con il traghetto per la Grecia a prezzi ‘stracciati’.
Partiti da Napoli abbiamo raggiunto il porto di Brindisi nel pomeriggio e ci siamo imbarcati sul traghetto notturno della “Gimaldi Lines” per Igoumenitsa, alloggiando in una confortevole cabina da due posti.


Dalla piccola città greca abbiamo innanzitutto raggiunto la vicinissima Corfù, nella quale abbiamo trascorso due giorni, per poi iniziare il nostro viaggio ‘on the road’ verso Sud, facendo tappa sull’isola di Leucade, sulla leggendaria Itaca e sulla sua dirimpettaia: Cefalonia.
Ma l’isola che più ci ha colpiti è sicuramente Zante, che noi tutti abbiamo conosciuto sui banchi di scuola grazie ai versi nostalgici di Ugo Foscolo, e sulla quale oggi coesistono aree nelle quali la natura regna ancora incontaminata ed altre prese d’assalto dai giovani in cerca di divertimento.
Gli ultimi giorni della vacanza li abbiamo trascorsi nella parte settentrionale del Peloponneso, nei dintorni di Patrasso: la città non è ‘a vocazione turistica’, come si suol dire, ma vale certamente la pena trascorrervi una giornata, così da visitare la “Basilica di Sant’Andrea” (che si dice sia stata costruita sul punto nel quale fu crocifisso il santo) e soprattutto l’Odeon romano, risalente al I sec. a.C. Poco distante da Patrasso, sorge poi un altro sito archeologico di estrema importanza storica: le rovine dell’antica città di Olimpia.
Il traghetto che ci ha riportati a Brindisi è partito da Patrasso nel pomeriggio, per arrivare a destinazione nel mattino del giorno successivo; anche in questo caso la traversata è stata molto piacevole e senza intoppi, ed abbiamo anche avuto modo di provare la gustosa cucina dei ristoranti di bordo. Una magnifica vacanza quindi, che speriamo di poter ripetere anche la prossima estate, cercando magari di beneficiare di un periodo di tempo più lungo.

Last minute Durazzo viaggiare collegati

La città di Durazzo ospita il porto più grande e maggiormente attivo dell’Albania, che vanta numerosi collegamenti giornalieri con tutti gli idroscali dell’Adriatico e del Mediterraneo.
La compagnia che gestisce la tratta di traghetti Trieste Durazzo è la Adria Ferries. I natanti che la società marittima mette a disposizione sono estremamente moderni e ben equipaggiati, molto più simili a navi da crociera che a traghetti. Le imbarcazioni salpano ogni martedì alle ore 21:00 dal porto di Trieste, per giungere a destinazione alle 9:00 del giovedì. Viceversa, le navi per la tratta di ritorno partono da Durazzo alle 19:00 della domenica e attraccano nel porto italiano alle 7:00 del martedì.
Fondata nella metà del VII secolo a.C. da coloni greci, la città di Durazzo è oggi la seconda metropoli albanese per estensione (dopo Tirana) con 550.000 abitanti.

Raggiungerla è facile, ma cosa fare una volta arrivati?
Durazzo conserva ancora gelosamente le tracce del suo passato. I segni della fondazione greca, le tormentate vicende medievali, il fiero trascorso sotto la dominazione ottomana e la breve occupazione fascista italiana, sono tutti elementi ancora ben rintracciabili in una visita accurata e pianificata della metropoli balcanica.
Merita sicuramente una visita l’anfiteatro romano da poco rinvenuto (circa 60 anni fa) sia per l’ottimo stato di conservazione delle gallerie ipogee, sia per il basso costo del biglietto (poco più di 2€).
Un altro sito di alto valore archeologico, poco distante dall’anfiteatro e nel pieno centro cittadino, è costituito dai resti del foro bizantino (Macellum) voluto dall’imperatore Anastasio (nato a Durazzo alla fine del V secolo d.C.). Purtroppo la popolazione locale poco si interessa di preservare queste suggestive rovine, e il sito si trova in uno stato di incuria e di degrado sempre più avanzato.
Altrettanto affascinante e meglio conservata è senza dubbio la moschea cittadina (Fatih Mosque), anch’essa poco distante dai resti romani. Un’atmosfera calda e accogliente quella che si respira all’interno di questo edificio divenuto Monumento Culturale nel 1973.
Arrivata la sera, sorge il bisogno di trovare un locale tranquillo dove passare una serata piacevole e rilassante: niente di meglio che il Portofino Lounge. Il posto offre una vista suggestiva dalla terrazza, ottimi cocktail da gustare, stuzzichini da aperitivo e musica ambient: tutti gli ingredienti per chiudere la giornata nel migliore dei modi.

Capri, l’isola dell’amore

Paesaggi incantevoli, insenature incontaminate e vicoletti caratteristici.

Chi non sogna di vivere un amore nella stupenda isola di Capri? Un amore unico e indimenticabile, su una delle isola più belle e spettacolari del golfo di Napoli e della penisola sorrentina, un luogo che ha ispirato i migliori artisti di tutti i tempi, da poeti a registi, da cantanti ad attori.
Uno scenario incantevole, incorniciato da un mare di un blu intenso ma in alcune zone di un verde smeraldo, tanto trasparente da poter ammirare in maniera spettacolare i suoi fondali.


Un salto sul primo traghetto della compagnia Navigazione Libera del Golfo, dal molo di Napoli da il via alla nostra avventura, un giorno particolare, il nostro giorno, tanto atteso e organizzato al meglio, una breve ma intensa traversare nel mare aperto, ammazziamo, così, il tempo facendoci qualche foto, e giocando a braccia aperte, imitando il volo degli uccelli trasportati dal vento, arriviamo al porticciolo di Capri, si scende, qualche occhiata veloce alla piazza, i baretti, l’odore di caffe intenso ci accompagna per le stradine strette e caratteristiche dell’isola, fino ad arrivare in camera, la nostra camera, bagagli sul letto, chiavi sulla scrivania ma il nostro sguardo e fisso alla finestra, una vista incantevole, un panorama da perde il fiato, i faraglioni si ergono dal mare verso il cielo con un imponenza divina, le barche che li attraversano sembrano dei minuscoli pesciolini che si avvicina con calma per non disturbare il gigante che dorme.
Tirato il costume dalla valigia, messo l’essenziale nella borsa, si scende in spiaggia, i rumori diventano suoni e tutto sembra avvolto da un alone magico e romantico, un bagno a largo tanto a largo da ammirare la maestosità della costa da un punto privilegiato.
Calata la sera, l’alone di romanticismo che ha avvolto l’isola per tutta la giornata diventa un qualcosa di spettacolare, le luci, i suoni, la musica che esce da ogni porta o finestra, crea un’atmosfera unica, ti rendi conto che quello è uno dei posti più romantici che tu abbia mai visto, un brindisi al bar, un abbraccio, un lento in riva al mare al chiaro di luna è la cornice ideale per un finale da favola, un finale unico, il finale perfetto.

Weekend ad Ischia

Il periodo migliore per trascorrere un week end ad Ischia: Settembre
Se hai aspettato settembre per goderti dei fine settimana all’insegna del relax, non puoi trascurare di valutare una tappa ad Ischia.
Come raggiungere l’isola: sono in partenza da Napoli o da Pozzuoli tutti i giorni traghetti o aliscafi che conducono in uno dei porti dell’isola: Foria, Ischia Porto, Casamicciola. Puoi prenotare on line il tuo biglietto, non dimenticare di prenotare anche il ritorno, le tratte sono sempre molto affollate, nei mesi
estivi.
Prenotato il tuo biglietto puoi organizzare il tuo week end settembrino in quest’isola dall’origine antichissima.
Settembre è il periodo ideale per visitare questa splendida isola campana, ricca di vegetazione, storia e tradizioni, tanto mare , sole e acque termali. Settembre è il periodo ideale, dicevo, per trascorrere dei giorni ad Ischia, perché se si vogliono fare lunghe passeggiate per le viuzze e apprezzare la bellezza architettonica dell’isola, le temperature settembrine sono perfette: né troppo caldo, ne troppo freddo, una temperatura mite per godere di un sole che scalda senza bruciare.


La temperatura ideale anche per apprezzare i meravigliosi parchi termali, dove consigliamo di trascorrere una giornata destreggiandosi tra le piscine termali, che giovano tantissimo al corpo e al benessere fisico.
Sin dai tempi più antichi gli uomini si dedicavano una pausa alle terme, per rigenerare il corpo e la mente.
Per gli appassionati delle terme, Ischia è il posto più adatto, vanta i parchi termali più belli d’europa, come i Giardini Poseidon, i più grandi e famosi. Altrettanto belli ed attrezzati sono il Negombo a Lacco Ameno e il Castiglione a Casamicciola, tutti dotati anche di spiaggia privata, per chi volesse godere anche di un dolce bagno nelle cristalline acque dell’isola.
Appena arrivati al porto, non dimenticate di fittare uno scooter, il mezzo di trasporto ideale per percorrere l’isola in lungo e in largo, perché, benché piccola, le distanze sono notevoli tra un comune e l’altro.
Se siete appassionati di storia, dovete dedicare una visita al castello Aragonese che svetta sull’isola, simbolo della stessa. Non trascurate le vedute e i tramonti, rilassatevi sorseggiando un aperitivo ad Ischia porto in uno dei caratteristici baretti, che si affacciano sul caratteristico porto dell’isola.
Per le donne, fanatiche dello shopping, sostate nei negozi di ceramiche e di abbigliamento, portando a casa un caratteristico abito in lino tipico dell’isola.