Cosa fare in caso di vacanza rovinata

Può succedere che la vacanza tanto attesa possa essere rovinata da inconvenienti imputabili a cattiva organizzazione o a cause di forza maggiore, come per esempio il ritardo, la cancellazione o l’overbooking del volo, lo smarrimento dei bagagli.

Sono tutti casi nei quali è utile sapere a chi inviare le proprie rimostranze e quali sono le giuste procedure da seguire per ottenere un risarcimento o un rimborso di quanto non è stato possibile godere. Iniziamo a vedere i casi in cui possiamo definire la vacanza rovinata.

vacanza-rovinata
Se il bagaglio viene smarrito, consegnato con ritardo o danneggiato è necessario compilare un modulo che si trova presso la compagnia sulla quale era prenotato il volo per richiedere il risarcimento.
La quantificazione del danno si aggira intorno ai 1.164 euro se la stessa compagnia opera nei confini dell’Unione Europea oppure se ha aderito alla Convenzione di Montreal.
Al contrario, il rimborso è pari a 19 euro per ogni chilo del bagaglio smarrito, se invece la stessa compagnia ha aderito alla Convenzione di Varsavia. La quantificazione del danno può anche essere determinata nel caso sia stata stipulata un’assicurazione da parte del turista.
Nel caso in cui il volo abbia un ritardo o venga cancellato bisogna distinguere se è responsabilità diretta della compagnia (per esempio un guasto al mezzo) o se invece non dipende da essa, come nel caso di uno sciopero o di condizioni meteo avverse.
Se il volo parte con sensibile ritardo il turista avrà diritto a chiedere un risarcimento in base a quanto è lunga la tratta di percorrenza del viaggio pagato.
Per convenzione si fa riferimento a viaggi con tratte comprese tra i 1500 fino ai 3500 km.
A queste distanze corrisponde un risarcimento di circa 400 euro, mentre per quelle superiori arriva a 600 euro.
Nel caso in cui il ritardo arrivi a 5 ore, il passeggero può ottenere il rimborso del biglietto e non essere soggetto al pagamento della penale.
Il rimborso del biglietto può anche riguardare una parte del viaggio, se questo prevedeva degli scali. La richiesta va inoltrata alla compagnia aerea.
Nel caso in cui il volo o anche l’hotel all’arrivo risultino in overbooking perché da parte del vostro tour operator e dell’agenzia di viaggi la vendita dei biglietti è andata oltre i posti disponibili, dovete attendere di sapere se qualcuno rinuncia al viaggio.
Sarà la compagnia stessa a comunicarlo dopo una verifica e dopo aver proposto un’alternativa che possa portare comunque un beneficio (la stessa proposta potrebbe essere rivolta anche a voi).
Chi non potrà prendere l’aereo dovrà avere un rimborso del biglietto sempre in base alla distanza della tratta e contestualmente dell’intero pacchetto della vacanza, se questa non avrà luogo.
Se invece scegliete di prendere un volo successivo, avete comunque diritto al rimborso della metà del biglietto per quello a cui avete dovuto rinunciare, calcolando sempre in base alla tratta.
Se invece è l’hotel a essere in overbooking l’agenzia di viaggi o il tour operator dovranno trovare una sistemazione di pari valore o superiore senza pagare altro.
Potete comunque richiedere un risarcimento per la vacanza comunque rovinata entro e non oltre 10 giorni dal rientro, tramite l’apposito modulo da indirizzare agli stessi soggetti secondo l’art. 49 del Codice del Turismo.

Analytics un tool che risolve i tuoi problemi

La rapidità con cui il web consente di raggiungere potenziali clienti in tutto il mondo, ha comportato l’apertura di siti e-commerce on line dove poter pubblicizzare e vendere i propri prodotti con un semplice click.

Affinché il proprio sito però decolli verso un sicuro successo, occorre tener conto di tutta una serie di dati che, se ben elaborati, consentono di attuare modifiche appropriate affinché il servizio offerto al cliente sia ottimale e le vendite allo stesso vadano a buon fine, realizzando così l’obiettivo principale preposto, quello cioè di migliorare il proprio business on line.
Per questo motivo è necessario avvalersi dell’esperienza e della professionalità di un esperto in web analytics, il quale è in grado di raccogliere e elaborare i dati inerenti al traffico utenti del proprio sito, per mettere a punto una strategia adeguata che migliori il sito stesso e quindi le vendite.


Un esperto analytics è un professionista del settore in grado di raccogliere informazioni riguardo a ciò che succede durante la visita di un potenziale cliente on line. In genere quando si accede a un sito, se ne visitano le pagine, restando così collegati per un certo periodo di tempo; in alcuni casi si eseguono acquisti, altre si compila un modulo di contatto.
Avere informazioni così dettagliate, consente di rispondere a domande fondamentali, come ad esempio quali sono i motori di ricerca attraverso i quali i clienti giungono al sito e quali pagine del proprio sito non sono in grado di catturare la giusta attenzione del cliente visitatore.
Attuare il monitoraggio base del sito, consentirà di giungere alla soluzione di problemi specifici come la canalizzazione all’obiettivo, il tracciamento personalizzato, la segmentazione del traffico, affinché si arrivi a un’ottimizzazione in chiave SEO delle pagine del proprio sito, raggiungendo un controllo sul traffico funzionale e dinamico.
Il consiglio di rivolgersi a un esperto del settore, nasce dalla consapevolezza che, i dati inerenti al sito web sono talmente tanti che, per poter essere raccolti e interpretati in modo efficiente, è necessario il lavoro di una persona che sia dedicata esclusivamente a questa funzione: ogni oscillazione di valore sul web, anche se minima, è di fondamentale importanza per il rendimento della propria attività, pericolo che però può essere tranquillamente arginato grazie all’esperienza di un web analytics.